Biografilm Festival presenta in anteprima mondiale Êntre et durer il film di Serena Mignani, ex studentessa del Dams che ha deciso di ripartire proprio da Bologna per la realizzazione di questo suo piccolo capolavoro.

≪La colpa di tutto va a mio figlio, non fosse stato per lui e per la sua esuberanza, non avrei mai realizzato nulla di ciò≫.
Il film ha origine infatti dalla grande tenacia di una madre che invece di impedire uno sport al figlio per timore dell’apparente pericolosità, decide di seguirlo in questa avventura pronta ad accrescere la sua consapevolezza in materia e a mettersi in discussione con il sorriso.

Il Parkour nasce in Francia negli anni ’90 e la sua palestra è la strada: si tratta infatti di quella disciplina che vede ragazzi intenti a saltare da un cornicione all’altro, fare capriole sui tetti o arrampicarsi su muri e grondaie. Consiste nel superamento di qualsiasi ostacolo con la maggiore efficenza di movimento possibile.
≪Il tutto però non è lasciato al caso, ho scoperto che dietro i loro allenamenti c’è moltissima disciplina ed una grande etica≫ dichiara Serena, orgogliosa di sapere quanto le paure ed i giudizi non sempre comprensivi riguardo questo sport, siano in realtà frutto di una scarsa conoscenza e di qualche pregiudizio di troppo.

La stessa Bologna ha avuto un ruolo fondamentale nella realizzazione di questo lungometraggio: ha fatto da culla ai primi passi di Serena e Lorenzo che sono partiti proprio dagli ambienti in cui in città si pratica Parkour. Tra i più importanti la crew Eden che da poco si sono strutturati e si occupano di formare i giovani che si vogliono approcciare alla disciplina. Molti gli allenamenti in palestra che ti dovrebbero preparare ad affrontare con più sicurezza gli ostacoli urbani.
≪Hanno voglia di esprimere i loro valori e di sfatare i miti ed i pregiudizi che ruotano intorno al parkour ≫.

Ma Serena non si è fermata alla sua città per affrontare quest’indagine: decide di scoprire le origini e la filosofia che si cela dietro questa disciplina andando anche in altre nazioni e continenti.
Volevo capire come le altre donne affrontassero il groviglio di emozioni fatto prevalentemente di stupore e paura, come affrontassero il timore per la vita dei propri cari, come vincessero il senso di colpa≫.
É questione di una diversa interpretazione del concetto di rischio, fiducia e paura nelle varie culture, ma si tratta anche di un profondo esempio di educazione.

Questo film vuole infatti dimostrale come anche il legame più ancestrale e naturale tra madre e figlio possa essere messo alla prova dalla vita.
Serena ha deciso di lottare per mantenerlo e si è buttata in un avventura che dietro la scoperta del parkour nasconde un vero e proprio percorso di crescita a fianco di Lorenzo.

Prossimo obiettivo di Serena: far si che questo film venga proiettato anche nelle scuole, affinché le persone possano trarre esempio da questa storia e comprendano come le iniziative e le attitudine dei figli non vadano in alcun modo represse a prescindere, ma ascoltate e valutate in un comune viaggio verso la consapevolezza

Teaser Film 

Giulia Bergami